venerdì 11 maggio 2012

Pizza margherita

Il segreto per avere una pizza quanto più simile possibile a quella napoletana non sta solo nella scelta degli ingredienti, e nemmeno nell'impasto… il vero segreto è la temperatura.
La pietra refrattaria è stata in questo senso una rivelazione, e ormai la mia pizza non ha più nulla da invidiare a quelle del ristorante, anzi!




















Ingredienti per 4 persone:

Per il poolish
• 300 gr farina Manitoba
• 300 gr acqua
• 6 gr lievito di birra
• 1 cucc.no di malto o miele

Per l'impasto
• 200 gr farina Manitoba
• 20 gr olio
• 2 cucc.ni di sale

Per il condimento
• 500 gr mozzarella
• 300 gr pomodori pelati
• olio extra vergine d'oliva
• basilico fresco
• sale

Utensili
• lastra di pietra refrattaria o tegame di ghisa
• teglie rotonde di alluminio



Procedimento per l'impasto:

1. La sera prima, mescolare in una ciotola gli ingredienti per il poolish, coprire con pellicola e lasciare lievitare a temperatura ambiente per una notte.

2. Al mattino, aggiungere al poolish i 200 gr di farina e impastare per 10 minuti o comunque fino ad incordare l'impasto.

3. Aggiungere l'olio, continuando ad impastare fino al completo assorbimento e, in ultimo, il sale.

4. Con l'impasto ottenuto ricavare dei panetti di 220 gr circa, riporli in ciotole separate precedentemente unte d'olio e coprirle con un coperchio o con della pellicola.

5. Riporre le vaschette in frigorifero e lasciare lievitare per almeno 8 ore.

6. Due ore prima di infornare, tirare fuori dal frigo le vaschette e lasciarle intiepidire a temperatura ambiente.

7. Un'ora prima di infornare, accendere il forno alla massima temperatura avendo l'accortezza di disporvi all'interno la pietra refrattaria poggiata su una griglia al livello più alto del forno.
È molto importante che la pietra refrattaria sia ben calda.


Procedimento per la stesura e il condimento:

1. Infarinare il piano di lavoro con un leggero strato di farina (meglio se di semola).

2. Con l'aiuto di una spatola, prelevare il panetto dalla vaschetta e farlo scivolare delicatamente sul piano infarinato.

3. Esercitando una pressione con le dita di entrambe le mani, seguendo un movimento dal centro verso l'esterno, formare un disco di pasta in modo tale che lo spessore al centro non superi i 2 mm e che il bordo esterno sia alto almeno 1 cm scarso, in modo tale da formare il così detto "cornicione". Evitare il matterello poiché esso, schiacciando la pasta, farebbe uscire l'aria incamerata durante la lievitazione, rendendo così l'impasto meno soffiato.

4. Disporre il disco di pasta così ottenuto nella teglia di alluminio, condirlo con i pelati precedentemente sfilettati e salati, la mozzarella (spezzettata e fatta scolare dalla sera precedente) e un filo d'olio.


Procedimento per la cottura:
1. Abbassare la temperatura del forno di 50° circa e accendere il grill.

2. Non appena la serpentina inizierà a diventare incandescente, infornate la pizza.

3. Sempre tenendo d'occhio il grill, quando la serpentina tenderà a spegnersi (poiché avrà raggiunto la temperatura) aumentare la temperatura del forno di 25° (in genere una tacca della manopola) in modo tale da far riaccendere il grill.

4. Durante il tempo della cottura (dai 3 ai 5 minuti) controllare sempre la serpentina, e aumentare di poco la temperatura man mano che il grill inizierà a spegnersi. Sarà infatti anche grazie a questo accorgimento che si potrà ottenere il così detto cornicione a "macchia di leopardo".

5. Trascorso il tempo di cottura prelevare la teglia dal forno, disporre la pizza sul piatto, guarnirla con un paio di foglie di basilico fresco e completare, a piacere, con un giro d'olio.


19 commenti:

  1. Ma tu sei una maga della pizza!! ^.^
    Bellissimo il tuo blog.. sei veramente brava! :)
    Non è che ti è avanzato un pezzetto di questa pizza morbidosa?!
    Mi aggiungo subito tra i tuoi fan..a presto!!
    Nelly
    Ps: ne approfitto per lasciarti un invito:
    http://www.nelly-bacididama.blogspot.it/2012/05/ma-dama-ma-scacchi-il-1contest-di-baci.html

    RispondiElimina
  2. eccoti qua con una vera pizza margherita!!!! a questa serve il marchio DOP! complimenti!!! un bacio

    RispondiElimina
  3. Ciao! ma che gustosa la tua pizza! semplice, ma come in pizzeria!
    baci baci

    RispondiElimina
  4. Buonissima!!!!! sai che il poolish l'ho utilizzato soltanto per il pane???? è da provare guarda che pizza!!!! Ottima diea la refrattaria.. noi la usiamo epr la cottura della pziza al barbecue.. e mi riprometto semrpe di provarla nel forno! baci cara buon lunedì .-)

    RispondiElimina
  5. eccomi!!!!!!!!!eh già è proprio spettacolare la tua pizza! grazie della visita!!!!!!!!!!baci!

    RispondiElimina
  6. E' da tempo che dico di comprare la pietra refrattaria, ma non riesco a trovarla mi sa che devo prenderla online. Cmq a parte la pietra refrattaria questa pizza ha un aspetto strepitoso. BRAVISSIMA

    RispondiElimina
  7. questa pizza è uno psettacolo!!!

    RispondiElimina
  8. Uh che spettacolo! Ormai anche per me la pietra refrattaria è fondamentale!
    Sulla pizza sono un tantino fissata e non ho fermato le ricerche finché non sono arrivata alla migliore che potessi ottenere in casa...e ora mi vien voglia di buttarmi sulla tua! Veramente stupenda!

    RispondiElimina
  9. ma quanto te la invidio la crosta di questa pizza?????
    sono incollata al pc.... ti ammiro troppo!!!!!!

    RispondiElimina
  10. :Q_____________________
    Lo spazio non mi basta!
    Giorgia, che belle quelle pizzette!
    Facciamo a cambio con la mia frittata di carciofi???

    RispondiElimina
  11. Perdonami, quanto devono essere grandi le teglie?
    La pizza si cuoce nelle teglie e non direttamente sulla pietra, giusto?
    Grazie e complimenti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cciao mg
      Le teglie che ho usato io sono quelle usa e getta di alluminio, ed hanno un diametro di circa 28 cm.
      Ho usato le teglie per una questione di comodità (non ho ancora la pala da pizzaiolo) però l'ideale sarebbe proprio poggiare la pizza direttamente sulla pietra.

      Elimina
  12. interessantissima ricetta. Io facevo un'ottima pizza con il lievito madre, ma purtroppo adesso non ce l'ho più e cercavo una buona ricetta con il lievito di birra. Questa ha più o meno lo stesso procedimento della mia, quindi mi sembra proprio quella che cercavo.
    Non so se avevo commentato, comunque ho provato i tuoi biscotti Digestive...davvero ottimi!

    RispondiElimina
  13. Ciao!Io purtroppo non ho la pietra refrattaria :( Dici che posso preparare lo stesso questa deliziosa pizza? :)

    RispondiElimina
  14. Grazie Cuochella, sto diffondendo questa ricetta, tra amici in Australia. Tutti sono rimasti strepitosamente sorpresi del risultato, semplici amanti della pizza ma anche chef e gente del mestiere. E' una gioia prepararla ogni volta e farla assaggiare a piu' persone possibile!

    RispondiElimina
  15. sembra delizioso.Grazie per questa ricetta
    http://restaau.it/Search/City/ristoranti-roma.html

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails

Licenza

Creative Commons License
I contenuti di questo blog sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.

Se riproduci i contenuti (testi e immagini) di questo blog devi attribuire la paternità dell'opera nei modi indicati dall'autore o da chi ti ha dato l'opera in licenza e in modo tale da non suggerire che essi avallino te o il modo in cui tu usi l'opera.

Non puoi usare i contenuti (testi e immagini) di questo blog per fini commerciali.

Non puoi alterare o trasformare i contenuti (testi e immagini) di questo blog, ne' usarli per creare altre opere.

statistiche